• 8 (800) 100-0373

Prima Parte. Biografia. Inizio dell'attività imprenditoriale

Con questo articolo iniziamo una serie delle pubblicazioni sull’imprenditore, ingegnere e inventore Pavel Melnikov, chi è riuscito a creare, in qualche pochi anni, un brand degli articoli dell’ingegneria sanitaria VALTEC ben conosciuto non solo in Russia, ma anche lontano oltre i suoi confini.

Biografia

Pavel Melnikov è nato il 7 Agosto 1964 a Leningrado, ora San Pietroburgo (Russia). Il padre e la madre di Pavel lavoravano in una fabbrica di abbigliamento: il padre era il capo dell’officina, mentre la madre la caposquadra.

Nel 1979, dopo la scuola, Pavel entrò al Collegio tecnico di energia di Leningrado e ha ricevuto il diploma con lode nelle «Apparecchiature elettriche per le imprese industriali e installazioni».

Dopo aver fatto il soldato per due anni nell'Armata Sovieticа dal 1983 al 1985, si è iscritto all'Istituto Meccanico di Leningrado (ora l’Università Statale Tecnica Baltica «VOENMEKH» D. F. Ustinov), dove si è laureato nel 1989 con lode in apparecchiatura radioelettronica.

Dopo la laurea Pavel ha lavorato per 5 anni come elettromeccanico delle calcolatrici elettroniche nella società scientifica e industriale «Burevestnik» a Leningrado, e dal 1990 al 1993 ha lavorato come uno spedizioniere allo stabilimento edile No. 2 a San Pietroburgo.


Inizio dell'attività imprenditoriale di Pavel Melnikov

L'inizio dell'attività imprenditoriale di Pavel Melnikov accadde negli anni novanta difficili per il paese, quando le vecchie strutture sovietiche sono già crollate, mentre quelle nuove stavano appena iniziando a formarsi, quindi, meglio caratterizzare quel periodo come «Il caos». A dire il vero, fu il caso che ha spinto Pavel alle azioni operative.

In quel tempi suo figlio Maxim andava in una delle scuole del rione Nevsky di San Pietroburgo e si sempre lamentava del freddo nelle aule, della mancanza dell’acqua calda nei lavandini e di bassa luminosità nelle aule.

Gli appelli ripetuti al preside della scuola riguardo le condizioni vergognose di studio finivano nella solita maniera: il preside diceva: «Abbiamo fatto la domanda al Dipartimento distrettuale di istruzione pubblica, e siamo stati messi in fila per le riparazioni».

Allora, Pavel Melnikov personalmente andò al Dipartimento distrettuale di istruzione pubblica, dove ha ricevuto la seguente risposta dai funzionari: «Apri la tua azienda e ripara tutto da solo. Cercheremo di trovare i fondi per questo».

Senza pensare a lungo, Pavel Melnikov ha registrato in Ottobre, 1993 un'impresa privata individuale «Impresa Individuale «Società industriale e commerciale «Vesta». Avendo dirottato alla sua impresa alcuni idraulici, elettricisti e falegnami in gamba dalla società DSK-2, dove lavorava da ultimo, Pavel ha iniziato a occuparsi dalla manutenzione tecnica di emergenza delle scuole e delle scuole materne del Nevsky distretto di San Pietroburgo.

Durante il giorno, Pavel Melnikov lui stesso faceva da falegname e dal tecnico idraulico insieme ai suoi operai, e la sera, avendo cambiato i vestiti, andava al dipartimento di istruzione pubblica per firmare i verbali di consegna e accettazione di lavori. Dopo alcuni mesi del lavoro Pavel è riuscito a comprare un furgone con il profitto ottenuto a base di quale ha allestito un'officina mobile del servizio di emergenza e di controllo.

Dopo un anno di lavoro, Pavel, che si è perfettamente dimostrato nei lavori di manutenzione, fu incaricato dal dipartimento distrettuale per la istruzione pubblica di svolgere anche i lavori di revisione in alcune scuole e asili distrettuali. Al fine di risolvere questi problemi, Pavel Melnikov amplia il suo personale de lavoratori e dei specialisti tecnici, nonché incorpora la «Società Daedalus» JSC, che ottiene le licenze per l’esecuzione di una vasta gamma delle opere di costruzione e installazione. Per collocare le attrezzature e i materiali da costruzione, Melnikov acquisisce un complesso composto da un garage e da un magazzino nel villaggio di Kudrovo e l'ufficio di rappresentanza in Prospettiva Nevsky. La propria attività di falegnameria che serve gli oggetti di revisione si organizza nel complesso garage-magazzino.


Lavori di riparazione e costruzione

La «Società Daedalus» guidata da Pavel Melnikov stava attivamente sviluppando le attività di costruzione, installazione e progettazione, grazie a che nell’anno 2000 è stata iscritta nel registro delle imprese che servono l'ordine municipale. La storia della società era contraddistinta dagli oggetti così seri come il Museo della scultura urbana, Apraksin Dvor, il complesso «Isola Verde», ecc.

La divisione organizzata da Pavel della «Società Daedalus» che ci occupa del servizio delle caldaie in un solo anno 1999 ha montato 13 reparti di caldaie autonomi e 3 centrali termiche individuali.

L’anno 2001 per Pavel Melnikov fu caratterizzato dal ricevimento di una serie dei contratti per oggetti assai unici dell'ordine municipale di San Pietroburgo. In primo luogo, la ricostruzione della residenza del governatore della città nel villaggio di Komarovo (oggetto K-15). L'edificio principale della residenza è conosciuto come l'ex casa in campagna del famoso pasticciere pietroburghese Georges Borman (1837–1918). Il palazzo a due piani con i camini unici e intonaco a forma di pietra era l’oggetto di eredità storica. La particolarità di sua ricostruzione stava nel fatto che, secondo le condizioni del Comitato per la protezione dei monumenti, è stato necessario rafforzare la fondazione in pietrame, sostituire le pareti in legno con quelle in calcestruzzo poroso, i solai in legno con quelli in cemento armato sui travi in metallo senza toccare l'intonaco esterno e i caminetti antichi situati sia al primo che al secondo piano dell'edificio.


Edificio principale dell’oggetto K-15 (residenza del governatore di San Pietroburgo) dopo il restauro

L'intonaco non poteva essere toccato per la semplice ragione che la cava di sabbia rosa, usata per preparate la malta per intonaco, fu completamente consumata già all'inizio del secolo XIX, e non era nulla da sostituirla. 

Pavel Melnikov insieme a Nikita Yaveyn, d’allora presidente del Comitato per l’uso e protezione dei monumenti storici, ha sviluppato una tecnologia unica, seguendo la quale le opere sono state eseguite esattamente in conformità al compito.

Il secondo oggetto complicato era il reparto caldaie a gas seminterrato con la capacità di 3.5 MW con le caldaie da De Dietrich e l’automazione Honeywell nel palazzo residenziale in via Serdobolskaya, 1. Questa casa è interessante perché l'ultimo appartamento clandestino di V. Lenin nel 1917 era ubicata proprio qui. Lo stesso reparto caldaie è stato costruito in virtù del permesso speciale del Comitato Statale di Russia per le materie di costruzione, poiché gli standard vietano incorporare i reparti caldaie a gas seminterrati nei condomini.


Reparto caldaie a gas sotterraneo con la capacità di 3.5 MW in Serdobolskaya, 1

Tutta l'esperienza acquistata nel corso dei lavori di costruzione e riparazione ha aiutato Pavel Melnikov nella sua attività ulteriore di creazione della nomenclatura del brand appena creato. Non per nulla, che 28 reparti caldaie e un rifugio per gli animali randagi a San Pietroburgo in Bolshoy Smolensky Prospekt, 9 furono complete dalle valvole e dai raccordi VALTEC dal primo lotto degli articoli che sono stati importati in Russia, dove la divisione di costruzione e installazione della società Melnikov ha eseguito tutti i lavori sanitari e le opere tecniche ed elettriche, così come l’installazione dei pavimenti con riscaldamento ad acqua nell’area di 5000 m2.

Continua